Uno studio evidenzia come la stampa 3d migliori il pensiero progettuale nelle scuole primarie

Spazio Chirale News   •   9 novembre, 2018

I  ricercatori della Macquarie University di Sydney, in Australia, hanno condotto uno studio di un anno sui vantaggi della stampa 3D e della progettazione 3D negli Atelier Creativi delle scuole elementari.

Mentre lo studio sostiene che c’è ancora molto lavoro da fare per aiutare gli insegnanti e gli studenti a integrare la stampa 3D nelle scuole, i risultati preliminari si dimostrano promettenti.

Makerspace nelle impostazioni della scuola primaria

Ai fini della ricerca della Macquarie University, 27 insegnanti di tre scuole in Australia hanno completato il corso di sviluppo professionale Makers Empire Learning by Design. Successivamente, gli insegnanti hanno svolto complessivamente 24 lezioni di stampa 3D e progettazione, utilizzando un software semplificato, a un totale complessivo di oltre 500 studenti.

Le opinioni e le osservazioni del personale sono state registrate prima, durante e dopo l’adozione del corso e dei piani di lezione, insieme all’effetto evidente sugli studenti dentro e fuori la classe.

Lo studio intitolato “Makerspaces in Primary School Settings” è stato finanziato dal Dipartimento dell’Istruzione del New South Wales, facente parte di AusIndustry Innovation Connections Grant, parte dell’Agenda nazionale per l’innovazione e la scienza e Makers Empire, fornitore di servizi di formazione e stampa in 3D, con sede a Adelaide.

Analisi

Secondo un’analisi quantitativa dei termini discussi nel feedback degli insegnanti, il 100% (31 su 31) delle lezioni di stampa 3D e di modellazione aveva alti livelli di coinvolgimento degli studenti. Inoltre, la creatività (registrata con una frequenza del 71% nelle risposte) e il pensiero progettuale (registrato con una frequenza del 64,5%) sono state le due migliori competenze dimostrate dagli studenti durante lo studio.

Inoltre, “Alcuni insegnanti hanno messo in relazione come questi cambiamenti siano andati oltre i loro moduli nel makerspace – ad esempio, sotto forma di unità di lavoro più basate sulla ricerca, basate sui problemi e collaborative”.

La scala Likert riportata di seguito dimostra l’attitudine dell’insegnante verso l’idea di makerspace prima dell’allenamento, della post-formazione e dell’implementazione dei risultati di apprendimento nelle lezioni.

Nel grafico vediamo il Grado Likert dell’atteggiamento degli insegnanti pre e post formazione e integrazione post lezione.
Immagine via Macquarie University





Un ulteriore, imprevisto, risultato è stato un aumento della confidenza tra insegnanti e tecnologia, compresa la volontà da parte di alcuni di introdurre pedagogie simili attraverso altre lezioni. “Diversi insegnanti hanno dichiarato di essere più collaborativi, flessibili e a proprio agio con la tecnologia”, affermano gli autori, aggiungendo: “Molti insegnanti hanno iniziato a collaborare con gli studenti e, di conseguenza, gli studenti sono venuti a vedere i loro insegnanti come modelli di l’apprendimento permanente,”

Raccomandazioni per il futuro della stampa 3D nelle scuole

Seguendo i risultati, una serie di “considerazioni future” sono fatte dai ricercatori, tenendo conto del feedback del focus group dell’insegnante.

I punti formulati in questo riepilogo invitano le scuole a sostenere sia i loro studenti che i docenti con il tempo e le qualifiche necessari per implementare la stampa 3D e il design 3D nelle lezioni.

I ricercatori affermano inoltre che sono necessarie ulteriori ricerche “per determinare sistemi efficaci attraverso i quali le capacità di leadership dei makerspace possano essere sviluppate e propagate all’interno e tra le scuole”.

Immagine di copertina via Macquarie University
Articolo da 3dprintingindustry.com del 30 ottobre 2018

By |novembre 9th, 2018|Latest Articles|